Torre del Greco – La città del corallo      
Integrale radiofonico dalle origini al Terzo millennio

Molte ore di trasmissione  
  

 1  2  3  4 

RADIO RAI - RADIO TRE

Prima puntata

Torre del Greco La città di corallo – Passioni del 22/10/2016
Distesa tra mare e Vesuvio, Torre del Greco deve proprio a questi due luoghi la propria storia. Il Vesuvio, con le sue frequenti e numerose eruzioni, l’ha disegnata. Dal mare è arrivata la ricchezza della città, dapprima grazie alla pesca e poi dalla lavorazione del corallo. In questa prima puntata del viaggio su Torre del Greco, seguendo il filo rosso del corallo, Nello Del Gatto, torrese emigrante, ci guida per le vie e i vicoli di questa città, sulle tracce della sua storia dalla quale, come una fenice, vuole prendere spunto per risorgere. Con Caterina Ascione, storica dell’arte e della lavorazione del corallo e Giuseppe Maddaloni, storico torrese. (foto Mimmo Torrese). Musiche: Mediterraneo di Marino De Rosas. Trevi de Il viandante immaginario. Meridies di Marino De Rosas.La città del corallo 4
1http://www.radio3.rai.it/dl/portaleRadio/media/ContentItem-63883fa6-400b-401d-bb7c-a020ade6877a.html


 Seconda puntata

La città del corallo 3

Il legame tra Torre del Greco, il corallo e le donne, nel corso degli anni si è andato stringendo sempre di più. Sono state le donne, infatti, a gestire gran parte della produzione di corallo (erano loro che, iin microlaboratori attrezzati nelle case, sui ballatoi, sui balconi, nei vicoli, si occupavano di selezionare, bucare, infilare, tagliare il corallo) e sono state alcune donne a segnare indelebilmente la storia della città. In questa puntata, Caterina Ascione, storica dell’arte e della lavorazione del corallo e Giuseppe Maddolini, storico cittadino, raccontano questo lergame.

2http://www.radio3.rai.it/dl/portaleRadio/media/ContentItem-c8442837-e3ab-4150-9ee5-52d0e41b95b5.html


Terza puntata

La città del corallo 2

Torre del Greco, la città di corallo: come il prezioso materiale rosso, è bella ma fragile, è viva ma sembra di pietra. Complice una politica fin troppo assente o poco interessata al bene comune, complice una classe imprenditoriale non sempre all’altezza e disastri finanziari che negli ultimi anni hanno decretato il fallimento di importanti aziende armatoriali condannando alla disperazione molti investitori locali, quella che un tempo era la terza città della Campania con oltre 120 mila abitanti, con ospedale, tribunale, scuole e università, nel giro di poco più di dieci anni sembra morta. Ma è forse nel corallo la sua rinascita. Ne parliamo con Giuseppe Sbarra, ex capo ufficio stampa del comune di Torre del greco, giornalista e scrittore, con Gioia De Simone, imprenditrice a capo di una delle più antiche aziende di produzione di corallo e con l’antropologo Aldo Colucciello.

3http://www.radio3.rai.it/dl/portaleRadio/media/ContentItem-e2d50a03-a02c-48dc-bd20-4ee842059e01.html


 Quarta puntata

La città del corallo 1

I corallari torresi hanno vinto negli ultimi anni la battaglia internazionale sulla salvaguardia del prodotto e della loro lavorazione. L’interesse della categoria è, infatti, quello di preservare il corallo per assicurare un futuro prospero, come in passato, a Torre del Greco. L’oro rosso ha segnato e continua a segnare la storia e la vita della città e per questo nasce l’esigenza di certificarlo anche legalmente con un marchio. Questo legame così forte, ha segnato nel corso degli anni anche la lingua, che Salvatore Argenziano – studioso del dialetto torrese – ci ha aiutato a capire. Legame che ha interessato anche musica della città.
Ospiti della puntata Tomaso Mazza, imprenditore e presidente Assocoral (Associazione produttori coralli e cammei di Torre del Greco) e con Massimiliano Albanese, medico e musicista. Musiche: Le terre del fuoco di Vito mercurio e Famiglia d’arte.  Mediterraneo di Marino De Rosas. Trevi de Il viandante immaginario. Meridies di Marino De Rosas.

4http://www.radio3.rai.it/dl/portaleRadio/media/ContentItem-805ec256-ec1e-4b6b-a3d9-40da6c47e5cb.html