AMORE  DI  MAMMA

Il concetto della poesia qui sotto antico, come lo il concetto della "Livella" di Tot, perch risaputo: tutto dissero i greci e i latini. Ma la composizione dei versi originale. Si tratta di una esaltazione del reale amore di mamma fino al nichilismo

'                     


Nella novella in versi Munasterio di Salvatore Di Giacomo raccontata la storia di una madre accoltellata a morte dal proprio figlio scellerato eppure premurosa verso quel maledetto che si ferito ad un dito durante laggressione:

Vuie c'ancora tenite
'a mamma vosta, si nun 'a stimate
pe vul bene a n'ata
ca cchi bene ve v vuie ve credite;
gente o nfama o ingannata,
nun 'e mettite a paragone maie,
ca l'ammore d' mamma gruosso assaie !

Na vota ce steva uno
Ca pe la nnammurata
Tutta furtuna soia dopp'asseccata,
prpeto nun sapeva cchi che f
p' put cuntent.

"Damme" - essa lle diceva -
oro, anielle, brillante !"
Oro, anielle, brillante isso lle deva...
"puorte !" E chillo purtava.
E si diceva: "Arruobbe !" Isso arrubbava.
E si diceva: "Accide !" Isso accedeva !

"Che bu cchi ? Si cuntenta ?
C'ato t'aggia d ?
"
" No, cuntenta nun songo,
Nun m'avasta
". " E tu parla,
dimme c'ato aggia f ?
"
"Ma 'o ffaie? Giura !" "T' ggiuro !"
"E si no st'uocchie mieie
tu cchi nun vedarraie,
si chello ca te dico nun farraie.
T! Chist' nu curtiello,
add mmmeta va,
scppele core e portammillo cc!
"

E chillo nfamo iette,
e stu curaggio avette!...
Ma, c' stesso curtiello
(c' mano scellerata le tremmaie),
sceppanno core mamma,
nu dito se tagliaie...
e sapite sta mamma,
gente, che lle dicette?
Dicette: "Figlio, te s fatto male?"
E guardannele  dito,
suspiranno, murette...