Puoi anche Tu inserire qui
un nuovo
argomento

  Torna all'indice
Comunità

Puoi anche Tu intervenire a questo argomento o invia un post alle e-mail private

Argomento presente: « IL MUSICO OMICIDA di Francione »
ID: 17398  Discussione: IL MUSICO OMICIDA di Francione

Autore: Gennaro Francione  - Email: azuz@inwind.it  - Scritto o aggiornato: venerdì 1 novembre 2019 Ore: 10:14

IL MUSICO OMICIDA (CASO GRAZIOSI).In Teatro a Fiuggi il primo grande processo mediatico del dopoguerra che vide imputato un musicista della RAI, Arnaldo Graziosi, con un processo altamente indiziario. Si concluse con una sentenza di condanna romanzata, la prima di una lunga serie che si trascina ancor oggi. Una serie dove, oltre le sentenze dei giudici di condanna malgrado ragionevoli fortissimi dubbi , la verità non si saprà mai UNO SPETTACOLO STRAORDINARIO NELLO STESSO ALBERGO “VILLA IGEA” A FIUGGI, DOVE AVVENNE IL PRESUNTO OMICIDIO
Attraverso la ricostruzione attenta degli atti processuali dell’opera originale di Gennaro Francione, drammaturgo e magistrato, “Il musico omicida”, lo spettacolo racconta la vicenda giudiziaria che ha portato alla controversa condanna di Arnaldo Graziosi, accusato di aver ucciso la propria moglie, all’interno di un albergo di Fiuggi durante un breve periodo di vacanza.
Una storia che ancora oggi lascia dei dubbi e che a quel tempo divise l’opinione pubblica italiana. Sullo sfondo di una Italia in ricostruzione dalle macerie della guerra la tragica vicenda di Maria Cappa e Arnaldo Graziosi ebbe grande clamore e attenzione mediatica, quasi a voler significare un modo di tornare alla normalità di una nazione fortemente provata. Il paese si divise in colpevolisti e innocentisti e, anche dopo la condanna, la rocambolesca fuga di Graziosi dal carcere di Frosinone e la sua cattura, restarono forti dubbi sulla sua colpevolezza. Rimase in carcere per 14 anni e, solo nell’agosto del 1959, ottenne la grazia dall’allora presidente della Repubblica Giovanni Gronchi.
Il 6 marzo 1997 Graziosi si suicidò lanciandosi dal balcone della sua casa di Grottaferrata in provincia di Roma.
L’idea della rappresentazione è quella di raccontare in maniera imparziale la storia seguendo gli atti processuali, mettendo, quindi, il pubblico contemporaneo di fronte agli stessi dubbi che tormentarono sia i giudici del tempo sia l’opinione pubblica. La caratteristica di questo tipo di vicende è quella di travalicare il tempo: un omicidio è sempre un omicidio e una vittima sarà sempre una vittima.
Uno stile scarno, una cronistoria raccontata in modo giornalistico caratterizzeranno la messinscena.
Un’iniziativa in collaborazione con l’Associazione “Trovautore” di Fiuggi e l’Assessorato alla Cultura del Comune di Fiuggi.

IL CASO GRAZIOSI

Hotel Igea Fiuggi Fonte 2 novembre ore 21,00 e 3 novembre ore 18,00. Ingresso unico euro 4,00. Posti limitati. Info 3317672638


 
 

Puoi anche Tu intervenire a questo argomento o invia un post alle e-mail private

 Ogni risposta fa saltare la discussione al primo posto nella prima pagina indice del forum. L'ultima risposta inviata, inoltre, che è la seconda in alto a questa pagina "leggi", aggiorna sempre pure data e ora della discussione (cioè il messaggio principale),
pur se vecchio.

T O R R E S I T A'

Autore unico e web-master Luigi Mari

TORRESAGGINE