Puoi anche Tu inserire qui
un nuovo
argomento

  Torna all'indice
Comunità

Puoi anche Tu intervenire a questo argomento o invia un post alle e-mail private

Argomento presente: « CARRO TRIONFALE IMMACOLATA 2019 »
Your browser doesn't support java or java is not enabled!
Pagina 1 di 2 - 1   2   Avanti >  Ultima Pagina >>
ID: 17382  Discussione: CARRO TRIONFALE IMMACOLATA 2019

Autore: camillo scala  - Email: doncamillo57@libero.it  - Scritto o aggiornato: domenica 8 dicembre 2019 Ore: 18:12

ANTEPRIMA BOZZETTO CARRO IMMACOLATA 2019
"VORREI AVERE INFINITI CUORI"

Domani è prevista nella Basilica di S.Croce l’esposizione del bozzetto del carro trionfale dell’Immacolata 2019 dal titolo “Vorrei avere infiniti cuori”, che si ispira ad un’espressione molto cara a San Vincenzo Romano.Il 158° carro trionfale dell’Immacolata è stato Progettato da Riccardo Lamberti (ndr al suo 3° bozzetto dopo il 2007 e 2017),che ne sarà anche il realizzatore materiale.Il progetto originale sarà condiviso domani online su questa pagina come vuole la tradizione ,intanto vi propongo l’Anteprima grazie a TVCITY e al Parroco Don Giosuè Lombardo che lo illustra nell’intervista di oggi proprio a TVCITY:

“Il titolo mediato da una espressione cara al cuore del nostro parroco Santo “Vorrei avere infiniti cuori” Quella preghiera che ormai anche i ragazzini conoscono a memoria “Vorrei avere infiniti cuori “che tutti ardessero del Santo Amore.Il Bozzetto che quest'anno è affidato a Riccardo Lamberti che di solito è l'esecutore questa volta è anche il progettista del bozzetto ,è barocco ,è una grande barca barocca .Al centro c'è il Castelletto con il campanile che richiama l’eruzione del 1794 ,con due drappi che rappresentano due eventi della vita di San Vincenzo ( ndr saranno realizzati dal Maestro Salvatore Seme).Dietro domina a poppa una grande Croce retta da un angelo. Davanti invece una corona del rosario per ricordare la devozione Mariana di San Vincenzo che scrisse anche un commento al rosario canale di tutte le grazie,è anche una corona decorativa che ricorda l'anniversario della corona dell'incoronazione della venerata immagine dell'Immacolata . E poi soprattutto veramente ho chiesto che ci siano anche le ginestre ecco per ricordare come la vegetazione sta vincendo anche gli sfregi alle nostre Pinete”....Immacolata di Torre del Greco (a cura di Ascione Luigi)
 
 
Your browser doesn't support java or java is not enabled!
Pagina 1 di 2 - 1   2   Avanti >  Ultima Pagina >>

ID: 17419  Intervento da: camillo scala  - Email: doncamillo57@libero.it  - Data: domenica 8 dicembre 2019 Ore: 18:12

GIRATA CARRO CON GLI SCATTI DI PASQUALE D'ORSI


ID: 17418  Intervento da: camillo scala  - Email: doncamillo57@libero.it  - Data: domenica 8 dicembre 2019 Ore: 16:51

USCITA CARRO IMMACOLATA 2019



ID: 17417  Intervento da: camillo scala  - Email: doncamillo57@libero.it  - Data: sabato 7 dicembre 2019 Ore: 18:27

GIRATA DEL CARRO 2019


ID: 17416  Intervento da: camillo scala  - Email: doncamillo57@libero.it  - Data: lunedì 2 dicembre 2019 Ore: 18:21



ID: 17415  Intervento da: camillo scala  - Email: doncamillo57@libero.it  - Data: lunedì 2 dicembre 2019 Ore: 15:02

Festa dell’Immacolata, Don Giosuè spiega come sarà il carro e il suo significato

Torre del Greco, storicamente città di naviganti e, da alcuni decenni, terra di emigrazione per molti che qui non riescono a trovare un lavoro o non riescono a realizzarsi negli studi qui a Napoli.Il pensiero di Don Giosuè Lombardo, parroco della Basilica di Santa Croce, va innanzi tutto a questi ultimi: a coloro che non potranno fisicamente prender parte alla festa dell’Immacolata, evento religioso molto sentito nella città vesuviana. Non a caso, prima ancora di presentare il carro trionfale che anche quest’anno porterà tra le strade di Torre del Greco la statua della Vergine, nel rispetto dell’antico voto dei torresi che affidarono ad essa la città più volte distrutta dalle eruzioni del Vesuvio, va proprio ai fedeli lontani che però, da alcuni anni, riescono a sentirsi più vicini in questi giorni di festa cittadina grazie ai mezzi offerti dal web.Siamo stati nel cantiere della basilica dove si stanno ultimando i lavori di realizzazione del carro, un progetto grandioso che ogni anno prende vita grazie ad abili ed esperti esecutori da quasi 160 anni.
Il disegno del 2019 è di Riccardo Lamberti, che ne è anche l’esecutore. Il tema del carro “Vorrei avere infiniti cuori“, è un’espressione tratta dagli scritti di San Vincenzo Romano, altra figura religiosa molto cara ai torresi proprio perché ha rappresentato l’operosità della cittadina che ha sempre saputo rinascere e ritrovare la propria vitalità a dispetto della lava che l’ha soffocata più volte nei secoli.«Il carro rappresenta proprio l’amore di San Vincenzo Romano per la propria città, Torre del Greco” spiega Don Giosuè, indicando la riproduzione del campanile sul quale svetterà la storica statua dell’Immacolata.E ci ricorda un aneddoto importantissimo: “Dopo l’eruzione del 1794, il giovane curato Vincenzo (allora parroco della distrutta parrocchia di Santa Croce) Ferdinando IV di Borbone, re di Napoli, voleva rifondare la città nell’agro-nocerino, lontano dal vulcano che l’aveva distrutta. Don Vincenzo, lu ‘prevete faticatore‘ disse di no: ‘E’ rimasto in piedi il campanile. Accanto al campanile ricostruiremo la chiesa. Attorno alla chiesa ricostruiremo la città.’. Queste furono le sue parole. Così è stato, ed è bellissimo che le case della parrocchia siano addossate al tempio, la casa di Dio in mezzo alle case degli uomini» www.vesuviolive.it DI GIUSEPPE MENNELLA


ID: 17397  Intervento da: camillo scala  - Email: doncamillo57@libero.it  - Data: giovedì 24 ottobre 2019 Ore: 15:43



Torre del Greco, schiaffo alla storia dell’Immacolata: prima tappa nell’ex fortino del clan
Torre del Greco. E’ stata presentata come un’idea dei portatori, ma a «convocare» il sindaco Giovanni Palomba a Santa Croce è stato direttamente il parroco della basilica. Pronto a illustrare una proposta destinata a tenere banco fino al prossimo 8 dicembre, quando il carro dell’Immacolata – una volta uscito in piazza – potrebbe prendere la strada della zona porto anziché imboccare, come da tradizione, via Salvator Noto e via Roma. Una vera e propria rivoluzione del percorso, dettata dalla necessità di evitare di penalizzare – in caso di improvvise piogge durante il corteo religioso – sempre le stesse zone della città. Così, secondo l’ipotesi ora al vaglio dell’amministrazione comunale, a partire dall’edizione 2019 il tragitto della Madonna potrebbe variare a seconda del calendario: gli anni pari il carro trionfale seguirebbe il percorso «tradizionale» e gli anni dispari, invece, invertirebbe il senso di marcia. Facendo prima rotta su corso Garibaldi – l’ex fortino della camorra oggi trasformato dai lavori di riqualificazione promossi all’epoca dell’ex sindaco Ciro Borriello e dagli investimenti di diversi privati nel settore della ristorazione – per poi chiudere nel centro storico.
Il summit in chiesa
La proposta è stata discussa durante un incontro «ristretto» a Santa Croce tra don Giosué Lombardo e lo storico figlioccio della Dc all’ombra del Vesuvio. A cui, sostanzialmente, il parroco – protagonista di una lite con i portatori durante l’edizione del 2017, passata alla storia per la mancata benedizione al rientro del carro trionfale in basilica – avrebbe manifestato l’idea lanciata da una folta delegazione dei 500 fedeli chiamati a portare l’Immacolata in processione. «Alternando ogni anno il senso del corteo religioso – l’ipotesi promossa dai portatori attraverso il sacerdote – si potrebbero garantire a tutta la comunità le stesse possibilità di assistere al passaggio del carro trionfale». Con buona pace di una storia nata nel 1861 e portata avanti con passione e devozione per 157 anni. E proprio il sindaco evidentemente affetto da decidofobia – la paura di prendere provvedimenti netti e certi – rischia di essere ricordato come il politico capace di fare cambiare strada alla Madonna. «Ho appreso della proposta da don Giosué Lombardo – conferma Giovanni Palomba -. Si tratta di un’idea dei portatori a cui guardo con favore. Sia perché consentirebbe di cancellare ogni dubbio su eventuali “discriminazioni territoriali” sia perché consentirebbe di liberare prima la zona e di consentire ai ristoratori di lavorare regolarmente». Insomma, un ragionamento da perfetto commerciante: prima gli affari, poi la fede. Tutto subordinato, ovviamente, al fattore sicurezza. Non a caso a breve è in programma il primo incontro ufficiale con le forze dell’ordine per affrontare il tema della processione: «Il prossimo 5 novembre ci sarà il tavolo istituzionale – spiega il primo cittadino -. Ogni decisione sulla vicenda dovrà essere concordata con chi si occupa dell’ordine pubblico».
I veleni del 2017 e 2018
Perché – al netto delle «nobili motivazioni» alla base della proposta avanzata dai portatori – nessuno ha dimenticato la turbolenta edizione del 2017, quando si registrò un episodio mai visto il giorno dell’Immacolata. Una lite tra don Giosué Lombardo e un gruppo di portatori – legata, appunto, al passaggio del carro trionfale in corso Garibaldi in un momento in cui la pioggia sembrava minacciare la statua della Vergine – portò allo strappo tra parroco e fedeli, con i secondi pronti a ignorare l’ordine del sacerdote rientrare in basilica. Alle 16, poi, la mancata benedizione scatenò il caos in sagrestia. Con gli agenti di polizia costretti a calmare non senza difficoltà i portatori. Lo scorso anno, invece, una «salvifica» pioggerellina evitò qualsiasi polemica sul passaggio nell’ex fortino del clan in cui un tempo abitava la famiglia del super-boss Giuseppe Falanga: la processione si interruppe all’altezza di via Diego Colamarino, evitando così la zona porto. Una circostanza evidentemente rimasta impressa ai fedeli del quartiere, ora pronti a presentare la «soluzione» per evitare qualsiasi tipo di discriminazione territoriale.Alberto Dortucci metropolis


Your browser doesn't support java or java is not enabled!
Pagina 1 di 2 - 1   2   Avanti >  Ultima Pagina >>

Puoi anche Tu intervenire a questo argomento o invia un post alle e-mail private

 Ogni risposta fa saltare la discussione al primo posto nella prima pagina indice del forum. L'ultima risposta inviata, inoltre, che è la seconda in alto a questa pagina "leggi", aggiorna sempre pure data e ora della discussione (cioè il messaggio principale),
pur se vecchio.

T O R R E S I T A'

Autore unico e web-master Luigi Mari

TORRESAGGINE